Fabio Piovesan Campione Italiano 200 metri Misti M35 - Web ufficiale

Vai ai contenuti

Menu principale:

Nuoto

Al rientro dalla trasferta in quel di Trieste incontriamo Fabio Piovesan (classe 1974) fresco campione Italiano Master 35 nei 200 metri Misti con il tempo di 2’24”16 al quale chiediamo di illustrare l’importanza dell’attività agonistica.
"Vediamo...le gare per me sono la naturale verifica del lavoro svolto quotidianamente in vasca, il metro di misura dell’impegno, della meticolosità con la quale cerco di correggere errori o imperfezioni nella tecnica di nuotata. Ma anche un indispensabile momento di confronto con avversari che perseguono il mio stesso scopo. La vittoria mi conforta, mi carica e mi conferma che la direzione è quella giusta; la sconfitta non la vivo come un fallimento, ma come un'occasione di analisi di quello che non ho fatto bene o che posso fare meglio. Se ho dato il massimo e fatto il possibile, onore all’avversario che mi ha battuto. La spinta che ricevo da una sconfitta è comunque positiva, perché mi stimola a fare meglio, aggiustare ciò che non è funzionato, correggere gli errori che ho fatto!
La competizione, l'agonismo mi hanno dato e continuano a darmi la spinta necessaria, nello sport e nella vita, per continuare a combattere e a crescere come persona e come sportivo.
Lo sport in quanto disciplina ti insegna a conoscerti, controllarti, rapportarti con gli altri. E non puoi lasciare niente al caso. Se non ti sacrifichi e ti impegni al massimo, con costanza, dedizione e metodo, non riuscirai mai a raggiungere risultati esaltanti, o comunque non riuscirai a ripeterli.
Fondamentale, almeno per me, nel mondo master, è l'approvazione o il successo che ottieni anche a livello interpersonale, dato dalla considerazione che gli altri hanno di te, indipendentemente dalle performance sportive. Se i tuoi avversari ti rispettano e ti ammirano, significa che oltre ad aver lavorato bene in acqua o in palestra, hai coltivato con altrettanta attenzione gli aspetti sociali ed i rapporti con gli altri. La somma di tutti questi fattori è il carburante che mi spinge a continuare con entusiasmo le cose che faccio. E se tu sei entusiasta, chi ti è vicino è trascinato e coinvolto positivamente..."


 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu